Vivere in un villaggio di IX secolo

Sabato, 18 Ottobre, 2014 - 15:30
Apertura dell'Archeodromo a Poggibonsi. Dal 17 al 19 ottobre eventi di rievocazione storica, didattica, archeologia sperimentale e story telling
Apertura dell'Archeodromo a Poggibonsi (17 - 19 ottobre 2014)

Il Comune di Poggibonsi, insieme alla Fondazione Musei Senesi e l’Università degli Studi di Siena, è lieto di invitarvi all’inaugurazione dell’Archeodromo di IX secolo nell’area archeologica della fortezza di Poggio Imperiale a Poggibonsi (SI).

 

L’INAUGURAZIONE (anticipata da un’anteprima il 17 ottobre alle ore 16,30 presso il Cassero della fortezza di Poggio Imperiale a Poggibonsi – Sala Polivalente; presenti Gianni Resti Presidente Fondazione Musei Senesi e Ettore Pietrabissa Direttore Generale ARCUS Spa) si terrà il 18 OTTOBRE ALLE ORE 15,30.

Parteciperanno: Andrea Pessina (Soprintendente Archeologo della Toscana), Angelo Riccaboni (Rettore Università di Siena), Luigi Di Corato (Direttore Fondazione Brescia Musei), Marco Valenti (Insegnamento di Archeologia Medievale Università di Siena), David Bussagli (Sindaco di Poggibonsi)

 

Il giorno 19 ottobre, dalle 11 alle 17: proseguirà il viaggio nell’altomedioevo con attività di didattica, reenactment, living history ed archeologia sperimentale.

 

L’iniziativa aperta a tutti.

Parteciperanno ai due giorni di rievocazione storica, didattica, archeologia sperimentale e story telling nell’Archeodromo (18-19 ottobre): La Fara (http://livinghistory-lafara.appspot.com/), Fortebraccio Veregrense (http://fortebraccioveregrense.jimdo.com/), Curtis Winigia, Archeotipo (http://www.archeotipo.it/).

Il progetto dell’Archeodromo di Poggibonsi, finanziato da Arcus Spa, è promosso dalla Fondazione Musei Senesi e dal Comune di Poggibonsi ed è stato realizzato dall’Insegnamento di Archeologia Cristiana e Medievale attivo presso il Dipartimento di Scienze storiche e beni culturali dell’Università degli Studi di Siena con Arké Archeologia Sperimentale e Archeotipo srl.

Costituisce il primo museo open air italiano sull’Alto Medioevo riproducendo una parte delle villaggio di capanne in vita tra IX e X secolo, qui indagato dagli archeologi dell’Università degli Studi di Siena tra il 1992 ed il 2008.

In questa prima fase progettuale è stata ricostruita in scala 1:1 la grande abitazione padronale ed i suoi annessi. Si tratta di una capanna tipo longhouse, di circa 140 mq, tripartita in una zona domestica, una ad uso misto e un magazzino, ormai ben nota a livello scientifico europeo.

L’archeodromo di Poggio Imperiale a Poggibonsi, realizzato con una particolare attenzione alle forme e ai materiali edilizi sulla base dei dati di scavo, si inserisce in una tradizione europea di villaggi altomedievali filologicamente ricostruiti.

Insieme alla sede espositiva del Cassero, costituisce la base per operazioni di storytelling, basate anche sul più moderno reenactment dove rappresentazione e archeologia sperimentale si fondono alla perfezione.

Una prima fondamentale “narrazione archeologica” è stato l’incessante “diario” che, quotidianamente ha permesso a migliaia di utenti facebook di seguire le fasi del cantiere con importanti annotazioni relative alle tecniche e ai materiali, di metodo (pagina Archeodromo live: (https://www.facebook.com/archeopb).

Nell’Archeodromo, poi, i visitatori potranno entrare fisicamente negli spazi di vita dell’epoca e toccarne con mano le forme, le dimensioni e le caratteristiche, oltre che sperimentarne le attività e le abitudini, in una realtà totalmente immersiva.